Il Gallo
https://www.ilgallo.it
Il Gallo

  • Primo giorno di spostamenti tra regioni: in migliaia in Puglia
    Wed, 03 Jun 2020 23:16:12

    Tempo di primi bilanci al termine del primo giorno che ha segnato la riapertura agli spostamenti tra regioni dopo il lockdown da Coronavirus.

    Gli ingressi in Puglia nella giornata odierna sono stati tantissimi, si presume abbiano raggiunto quota 10mila.

    Ne è riprova il fatto che la piattaforma dove si deve registrare chi vi arriva ha segnato quota 6600 moduli di autosegnalazione già nel primo pomeriggio del 3 giugno.

    Il sito della regione che tiene il registro degli arrivi in mattinata è andato in tilt. Il numero di accessi ha infatti toccato quota 80mila già a metà giornata.

    L’ordinanza

    Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato una ordinanza, la num. 245, con decorrenza dal 3 giugno 2020: “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Obblighi di segnalazione per l’ingresso delle persone fisiche in Puglia”.

    Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, si dispone:

    Con decorrenza dal 3 giugno 2020, tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso, in Puglia, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati:

    – segnalano lo spostamento, il trasferimento o l’ingresso mediante compilazione del modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia;

    – dichiarano il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano;

    – conservano per un periodo di trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno.

    Foto stazione Lecce da instagram _iacovelligiuseppe_

  • Tricase, i commercianti: “Abbandonati al nostro destino”
    Wed, 03 Jun 2020 20:01:51

    Neanche 24 ore dopo la mozione di sfiducia firmata da 9 consiglieri, arriva un’altra picconata destinata all’amministrazione in carica.

    Una lettera aperta indirizzata “agli organi di stampa, ai propri associati ed alla cittadinanza” e sottoscritta, per il direttivo dell’Associazione Commercianti di Tricase, dalla presidente Stefania Palmieri e, per il direttivo della delegazione di Tricase di Confcommercio, dalla presidente Rosanna Zocco.

    Il direttivo dell’Associazione Commercianti di Tricase dopo poco più di 15 mesi dal suo insediamento, si vede nella condizione di dover scrivere una lettera aperta”, si legge nella nota, “è questa la seconda, la prima era stata pubblicata dopo il primo mese dall’insediamento per presentarsi ufficialmente e rendere noti i propri obiettivi. Nella circostanza avevamo dato atto del nostro incontro con l’amministrazione comunale di Tricase (sindaco e giunta) e con la Confcommercio Lecce”.

    All’amministrazione comunale”, proseguono Palmieri e Zocco, “avevamo chiesto di trovare un modo di dialogare e collaborare, in pratica un metodo per fare sistema nell’obiettivo comune di tutelare e far crescere il tessuto economico produttivo di Tricase, ossia Commercio, Turismo, Artigianato e Servizi. Alla Confcommercio Lecce avevamo chiesto una concreta e fattiva collaborazione in un’ottica di crescita e di consolidamento. Con la Confcommercio la collaborazione è partita e già la scorsa estate ha dato dei risultati lusinghieri; è stata creata la delegazione di Tricase che proprio in relazione all’emergenza Covid ha agito in sinergia con l’Associazione Commercianti e congiuntamente abbiamo cercato di relazionarci con l’amministrazione”.

    “Difficoltà a dialogare con i vertici dell’amministrazione”

    Non è andata altrettanto bene sull’altro versante: “Con i vertici dell’amministrazione abbiamo invece difficoltà a dialogare. Difficoltà che si è accentuata con l’emergenza sanitaria. Infatti, nonostante la nostra prima istanza ufficiale sia stata depositata a marzo, evidenziando già allora quelle che, a nostro modo di vedere, sarebbero state le conseguenze drammatiche dell’emergenza (che sono diventate problematiche riconosciute a livello nazionale ed internazionale anche se noi avremmo preferito sbagliarci) chiedendo di cominciare a pensare alle azioni di supporto e di contenimento delle conseguenze negative, non abbiamo mai avuto il piacere di relazionarci direttamente con il sindaco e la giunta ed avere degli impegni concreti e di prima mano. Abbiamo avuto due incontri, entrambi organizzati dal consigliere Vincenzo Chiuri (che ringraziamo per l’impegno e la serietà), nel primo era presente anche un membro della giunta, abbiamo portato le nostre richieste, abbiamo esaminato possibili interventi, ma a distanza di 60 giorni, dopo due mesi, non abbiamo ancora risposte! Dopo due mesi i vertici dell’amministrazione non ritengono di Relazionarsi direttamente con noi! Due mesi che la realtà produttiva del paese è lasciata in attesa! È lasciata in agonia! Eppure siamo gli stessi che con tasse e tributi riempiono le casse dell’Ente! Siamo quelli che abbiamo surrogato l’amministrazione, mettendo in campo il nostro impegno e la nostra credibilità per realizzare eventi in ogni periodo dell’anno, in estate come a Natale (notte di Ferragosto, iniziative in piazza, Tricase compra e vinci e relativa serata finale, luminarie, allestimento di piazza Pisanelli e Cappuccini con l’evento “il magico bosco di Natale”, per restare al solo anno 2019). Siamo quelli che per dare lustro alla comunità hanno messo mani al proprio portafogli per realizzare quanto sopra”.

    Adesso che abbiamo bisogno noi, non per qualcosa che dipende da noi ma per qualcosa per cui deve necessariamente intervenire l’amministrazione”, lamentano, “ci evitano. Da oltre due mesi siamo in attesa di una risposta. Non ci sembra che si affrontino così le emergenze! Non ci sembra che ciò sia corretto nei nostri confronti e nei confronti della Città!”.

    Il 31 maggio abbiamo protocollato una nuova richiesta”, raccontano, “come per le precedenti abbiamo dovuto sollecitare (anche questa volta) delle risposte. Risposte che dopo 60 giorni ancora non arrivano.

    Il Commercio, l’Artigianato ed i Servizi costituiscono il tessuto produttivo di Tricase. Quando pensano di farci sapere cosa intendono fare? Di farci sapere come intendono muoversi? Di farci sapere come pensano di affrontare l’estate? Quali iniziative hanno programmato o hanno in cantiere? Quando pensano a Tricase e per Tricase?”, si chiedono i commercianti.

    Peraltro”, rincarano la dose, “lo Stato e soprattutto la Regione si stanno muovendo. Riguardo allo Stato il “decreto rilancio” lo conosciamo o almeno noi ne abbiamo sentito parlare: l’amministrazione lo conosce? Perché L’art. 187 bis esonera dal pagamento della TOSAP e del COSAP per le concessioni esistenti e semplifica le domande di nuove occupazioni. Noi lo chiedevamo da due mesi ma sindaco e giunta ancora non si sono espressi. Le altre città già hanno messo in atto la disposizione e a Tricase neanche a parlarne. Riguardo la Regione, per restare alle iniziative, che ci riguardano, adottate negli ultimi giorni, va sottolineato che, al fine di supportare il commercio di prossimità e attuare politiche organiche di sostegno alle piccole imprese e alle comunità locali,  ha deliberato di consentire che tutti gli interventi previsti nell’ambito dei Distretti Urbani possano essere estesi anche agli esercizi di vicinato che si trovano al di fuori del perimetro del DUC, arrivando a coinvolgere, quindi, tutto il territorio comunale. Inoltre si è consentito di rimodulare il piano spese, presentato in sede di candidatura, puntando alla riapertura degli esercizi di vicinato anche attraverso un contributo “una tantum”, a fondo perduto, per le attività commerciali, commisurato alla dimensione del locale commerciale/artigianale (“alziamo le serrande”)”.

    L’amministrazione comunale presiede il DUC di Tricase. Lo sa di questo strumento di supporto? Cosa sta facendo? Dopo oltre 20 giorni cosa aspetta?”.

    Il Distretto Urbano del Commercio, è uno strumento di sostegno per riqualificare il territorio attraverso gli esercizi di vicinato e il contrasto alla desertificazione dei centri storici.

    Se Tricase ha il suo D.U.C.”, rivendicano, “è anche grazie all’Associazione Commercianti che ha lavorato per tale obiettivo. Il 16 maggio la Giunta Regionale ha stanziato 20 milioni di euro per le imprese sociali. Stanziamento che sostiene progetti nell’ambito del: attrattività del territorio, turismo e accoglienza innovativa, agricoltura sociale, cultura, creatività, recupero mestieri e tradizioni locali, ecc. ecc.”.

    “La Regione ha fatto il suo. E il Comune?

    Il 26 maggio la Giunta regionale ha modificato la manovra approvata con DGR 524/2020 predisponendo una nuova manovra anti Covid-19 che prevede una dotazione finanziaria complessiva pari a 750 milioni di euro a valere interamente sul POR Puglia FESR FSE 2014-2020 con interventi a favore del sistema delle imprese, per il sostegno ai singoli professionisti e lavoratori autonomi delle fasce minori di reddito.

    Con la stessa manovra ha inoltre destinato le risorse, riprogrammate in favore delle imprese per 551 milioni di euro, anche alle seguenti iniziative: Microprestito, rivolto alle microimprese e ai lavoratori autonomi; interventi a fondo perduto per le imprese dei settori turismo e cultura (con una dotazione di 45 milioni di euro).

    I commercianti chiedono: “L’amministrazione comunale sa di questi stanziamenti? Si sta muovendo o intende muoversi per fare da volano alle imprese che potrebbero partecipare o anche solo per far conoscere gli interventi e dare supporto per parteciparvi? E se non fa questo ci spiega quale pensa che sia il suo compito in quest’ambito ed in questo momento?”.

    E ancora: il 28 maggio la Giunta regionale in attuazione della legge regionale n.12 del 15 maggio 2020 ha assegnato ai Comuni Pugliesi € 9.473.693,00 (milioni di euro) in favore anche dei lavoratori autonomi risultati privi di qualsiasi reddito a causa della pandemia da Covid19.

    E questo oltre ad approvare misure urgenti per il sostegno economico alle imprese con la modifica del regolamento degli aiuti “de minimis”.

    “Tante domande nessuna risposta”

    Ed ecco che arrivano altre domande a cui i commercianti chiedono risposta: “Quanto è arrivato a Tricase? Come è stata stabilità la cifra? Quali sono le risorse disponibili? Quando e come l’Amministrazione la metterà a disposizione delle attività? O aspetta e le tiene da parte per pagare il funerale delle nostre aziende?”.

    Tante domande, tante esigenze, un’emergenza in atto e nessuna risposta!”, concludono Palmieri e Zocco, “ogni volta dobbiamo chiedere noi, a loro, di prestare attenzione (volevamo scrivere “di prendersi cura” ma sarebbe chiedere troppo visto i precedenti) al tessuto economico e produttivo della nostra comunità per non trovarsi con seri problemi sociali nell’immediato futuro”.

    LETTERA APERTA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI E CONFCOMMERCIO TRICASE – CLICCA QUI

  • Dona stipendio durante pandemia: carabiniere salentino sarà Cavaliere della Repubblica
    Wed, 03 Jun 2020 19:12:37

    Non solo Irene Coppola, la sarta gallipolina che ha donato migliaia di mascherine: anche un altro salentino sarà tra i Cavalieri della Repubblica insigniti dal Presidente Mattarella per essersi contraddistinti per il loro servizio alla comunità durante la pandemia.

    Stiamo parlando di Ettore Cannabona, carabiniere originario di Miggiano, da 10 anni in Sicilia per lavoro.
    Cannabona, ha deciso di donare il suo stipendio dopo aver “visto il disagio negli occhi dei tanti uomini e donne di Altavilla Milicia che durante i giorni della pandemia non avevano nulla da mangiare.

    Per me contano i valori e i rapporti umani che sono alla base della convivenza tra le persone“, ha raccontato, “il mio gesto era privato e rispondeva solo a un’esigenza: fare qualcosa di concreto per chi ha sofferto nei mesi duri della pandemia” .

    La solidarietà del maresciallo ha attivato una intera comunità che, col supporto di supermercati e macellerie del paese, è riuscita a soddisfare il bisogno di un centinaio di famiglie.

  • Colpo fallito nella notte al distributore di carburante di Depressa
    Wed, 03 Jun 2020 15:48:39

    Tentato furto al distributore di carburante “2D” Martella Petroli di Depressa, a Tricase.

    Il colpo mancato è stato registrato nella notte tra martedì 2 e mercoledì 3 giugno, attorno all’1e30, quando due ignoti hanno preso di mira le colonnine del self service. 

    Il pronto intervento della “Folgore”, vigilanza privata di Tricase collegata al distributore mediante impianto di videosorveglianza, ha messo in fuga i malintenzionati. 

    Sul posto sono accorsi anche i carabinieri che hanno potuto constatare come le macchinette del self fossero intatte. L’unica traccia tangibile, immagini a parte, del passaggio dei due ladri era nei tombini che gli stessi hanno provato a forzare nell’intento, probabilmente, di manomettere proprio l’impianto di telecamere a circuito chiuso che ha rovinato il loro piano. 

    Le successive ricerche in zona non hanno dato esito: i malviventi, seppur fuggiti a mani vuote, non sono stati rintracciati.

  • Parentopoli in Camera di Commercio? Accusa di diffamazione per imprenditore e Pinuccio di “Striscia”
    Wed, 03 Jun 2020 15:44:32

    Un servizio di Striscia la Notizia che raccontava di presunti favoritismi all’interno della Camera di Commercio di Lecce ha portato, a margine di un’inchiesta penale, ad un doppio avviso di conclusione delle indagini.

    Nelle scorse ore l’inviato pugliese del programma di Canale 5, Pinuccio (al secolo Alessio Giannone) e l’imprenditore Roberto Fatano (Presidente “Laica Associazione delle Imprese e delle Professioni del Salento”) sono accusati di diffamazione aggravata ai danni del dottor Maurizio Siciliano, della Camera di Commercio.

    Il servizio sotto accusa andò in onda il 6 marzo del 2019, col titolo “Un daino per nemico”. L’inviato, con una intervista all’imprenditore leccese, alludeva a possibili favoritismi, di una commissione tecnica, pro Maurizio Siciliano. Il servizio di Pinuccio sottolineava come nella commissione in questione presenziava il fratello, Carlo Siciliano, dirigente Asl. Per quella che veniva definita una “strana coincidenza”.

    Ora i due indagati avranno 20 giorni per depositare memorie difensive o chiedere di essere interrogati prima che il pm formalizzi l’azione penale.

  • I contagi di oggi in provincia
    Wed, 03 Jun 2020 14:23:08

    Su 1.046 test (1 ogni 3.900 abitanti in Puglia) è risultato positivo un caso nella Provincia di Foggia. Tre i decessi: 2 in provincia di Foggia e 1 in provincia di Bari.

    Il totale dei test effettuati è di 122.546 (1 ogni 33 abitanti ca), i pazienti guariti sono 2.952 e gli attualmente positivi 1.036.

    Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.499 così divisi: 1.487 nella Provincia di Bari; 380 nella Provincia di Bat; 650 nella Provincia di Brindisi; 1.157 nella Provincia di Foggia; 515 nella Provincia di Lecce; 281 nella Provincia di Taranto; 29 attribuiti a residenti fuori regione.

  • Malore in spiaggia, tragedia sfiorata a Lido Marini
    Wed, 03 Jun 2020 13:20:56

    Tragedia sfiorata a Lido Marini, marina di Ugento, dove un anziano di Presicce-Acquarica ha rischiato la vita a causa di un malore improvviso.

    Un anziano ultra ottantenne ha rischiato di morire mentre si godeva il mare: a prestare i primi soccorsi un barista del posto ed una passante.

    Su richiesta è sopraggiunta un’automedica e un’ambulanza del 118, dopo i primi soccorsi che hanno evitato il peggio, l’anziano è stato trasportato con “codice rosso” presso l’ospedale “Cardinale Panico” di Tricase.

  • Donò migliaia di mascherine: una salentina sarà Cavaliere della Repubblica
    Wed, 03 Jun 2020 11:59:44

    L’impegno di una salentina nei giorni più bui della pandemia verrà ripagato con un riconoscimento che resta in eterno.

    Il presidente della Repubblica Mattarella, ieri in visita a Codogno, ha annunciato l’intento di insignire con l’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica un primo gruppo di cittadini, “di diversi ruoli, professioni e provenienza geografica, che si sono particolarmente distinti nel servizio alla comunità durante l’emergenza Coronavirus”.
    Tra questi Irene Coppola, di Gallipoli, che ha realizzato a sue spese, e poi distribuito, migliaia di mascherine anti-contagio. Ed ha poi anche aiutato un’associazione per non udenti inventando la mascherina trasparente per leggere il labiale.
  • Vanno a notificare atti giudiziari e trovano auto di rapina e cannabis
    Wed, 03 Jun 2020 11:11:37

    LE VOLANTI SI RECANO AL CAMPO SOSTA “PANAREO” PER UN CONTROLLO E TROVANO UN’AUTO OGGETTO DI RAPINA ED UNA PIANTAGIONE DI CANNABIS

    Gli agenti della Questura di Lecce, recatisi presso il campo sosta “Panareo” per la notifica di alcuni atti, fissano l’attenzione su una Lancia Y, in cattive condizioni, e dopo aver controllato la targa, scoprono che l’auto risultava provento di una rapina a mano armata, perpetrata a Taviano il 4 febbraio scorso, ai danni di una donna che, dietro minacce di una pistola, consegnava il veicolo.

    Gli agenti, approfittando della circostanza di trovarsi all’interno del campo, effettuavano un giro di perlustrazione, rinvenendo in più zone del campo, alcune piante di cannabis.

    Al termine degli accertamenti, l’auto veniva sequestrata e messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per la ricerca di tracce che possano ricondurre agli autori del reato e, circa una cinquantina di piante di cannabis, venivano estirpate ai fini della distruzione, dopo essere state sequestrate.

  • In possesso di marijuana e coltello: 28enne denunciato
    Wed, 03 Jun 2020 11:00:44

    Gli agenti del Commissariato di Gallipoli hanno denunciato un 28enne del posto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per possesso  ingiustificato di arma impropria.

    Durante un posto di controllo, gli agenti hanno fermato un’autovettura e controllato il giovane che era alla guida e che, sin da subito, ha mostrato segni di insofferenza.

    Approfondito il controllo, gli agenti hanno trovato in macchina un barattolo di vetro contenente circa 19 grammi di marijuana oltre ad un coltello a serramanico.

    Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro ed il giovane è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e porto abusivo di arma impropria.

  • Ammaccano l’auto davanti la caserma e scappano
    Wed, 03 Jun 2020 09:52:21

    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

    Buon giorno, mi scuso, innanzitutto, del tempo che vi rubo. Sono un funzionario della Banca Popolare di Milano in pensione.

    Nel 2017, in occasione di una vacanza a Tricase, sono stato così bene che ho deciso di trasferirmi appunto qui; ho trovato una casa appena in campagna ma sempre nel comune di Tricase e vivo la mia vita a contatto con la natura, i fiori e gli amici che senza fatica e con piacere mi hanno accolto.

    Sì è vero sono nato a Soleto, ma solo anagraficamente perché, era tempo di guerra (1943!!), e tutta la mia fanciullezza l’ho trascorsa a Napoli dove ho studiato laureandomi in Economia e Commercio.

    Ho lavorato nella Direzione Acquisti dell’Alfa Romeo prima di Pomigliano D’Arco e poi di Arese (MI) per poi abbracciare il Settore Bancario a Saronno (VA) fino al pensionamento.

    La differenza che ho trovato, una volta venuto ad abitare nel Salento, è abissale, ho trovato una gentilezza, affabilità, onestà, correttezza, modo di vivere che in trent’anni di vita al Nord avevo dimenticato esistere.

    Il motivo di questa mia esternazione è dato da ciò che mi è accaduto il 18/5/2020. Verso le 11,45, sono andato alla Stazione dei Carabinieri di via Micetti per sporgere denuncia avendo smarrito la mia Carta di Credito.

    Dopo aver fatto tale esposto, nell’uscire, ho notato che la mia Alfa Romeo Stelvio, nuovissima di appena un anno e mezzo che, regolarmente parcheggiata nell’apposito stallo, presentava vistose e gravi ammaccature al parafango anteriore sinistro, al paraurti, alla calandra anteriore ed alla telecamera anteriore per la frenata assistita.

    Ho cercato di chiedere in giro se qualcuno avesse visto l’accaduto, ma nessuno si era accorto di nulla, un urto del genere determina anche un considerevole rumore, ma nessuno né aveva udito né visto alcunché.

    È intervenuto a vedere l’accaduto anche il carabiniere Moliterni ed il comandante della Stazione di cui non ricordo il nome, ed entrambi sono rimasti allibiti di quanto successo, non solo della gente che non ha visto, ma anche e maggiormente dell’incivile che ha causato in danno fatto e scappandosene via. Ho scattato delle foto alla vettura incidentata.

    È vero che tra tante mele buone c’è sempre qualche mela marcia, però da fastidio dovermi far riparare la macchina spendendo ben 800 Euro.

    È tutto qui, mi piacerebbe che pubblicaste l’articolo, non tanto perché venga da me il “maleducato” a pagarmi la riparazione, ma sperando che legesse, meditasse e si vergognasse con coscienza su ciò che ha combinato.

    Nello scusarmi ancora, porgo cordiali saluti.

    Dott. Pier Luigi Catalano

  • Ebrei a Tricase Porto, la storia che sfila tra le dita
    Wed, 03 Jun 2020 08:56:57

    Le emozioni sono attimi fuggenti che sfilano tra le dita, come un nastro di seta che, scivolando via, ci accarezza la pelle e sprigiona sensazioni e suggestioni che permeano l’animo umano.

    Sono briciole di storia sedimentata, attimi di letizia che riemergono dalla profondità dei ricordi che, solo col trascorrere del tempo, apprezziamo sempre di più.

    Quelle dell’estate del 1945, anche se lontane nella memoria, cristallizzate nel racconto di Ercole Morciano e descritte con maestria, ci fanno riflettere sui momenti bui che quella generazione ha vissuto, ha saputo affrontare e superare, sul candore della fanciullezza e sul valore dell’amicizia che, nonostante tutto, vince su ogni obbrobrio che l’uomo genera.

    Il libro Ebrei a Tricase-Porto è uno scrigno di racconti che immortala una breve storia tricasina di quegli anni; attimi di vita vissuta che scorrono via come nastri di seta fra le dita; avvincente come un giallo che cattura con piacevole leggerezza, riportandoci in quelle suggestive estati che hanno segnato la vita per tanti tricasini e molti altri “immigrati” di passaggio.

    Luigi Zito

    STORIE DI RAGAZZE TRICASINE ED EBREE

    Ercole Morciano

    Clara e Marisa Bleve abitano in Tricase, corso Roma, nei pressi del passaggio a livello ferroviario e sono entrambe pensionate.

    Il racconto che segue è una delle tante storie – oltre cinquanta – che ho raccolto nel mio libro Ebrei a Tricase-Porto, pubblicato dalle edizioni del Grifo di Lecce. Sono storie accadute negli anni 1945-1947, quando alla marina di Tricase era attivo il D.P. Camp n. 39, per l’accoglienza dei profughi Ebrei alla fine della seconda guerra mondiale.

    Le sorelle Bleve furono da me intervistate, nella loro casa, l’11 febbraio 2016. Segue il loro racconto:

    “Al tempo in cui avvennero i fatti, [nell’immediato secondo dopoguerra, ndc] noi eravamo piccole. Nostro padre [Pippi] era dipendente delle Ferrovie del Sud-Est ed abitavamo a S. Eufemia, frazione di Tricase che ora è attaccata al paese, invece in quel periodo era ancora abbastanza separata.

    La nostra famiglia era composta da nostro padre, nostra madre e quattro sorelle: Stella, Ornella, Clara e Marisa. Le prime due sono morte. In particolare Stella, la nostra sorella maggiore della quale vi parleremo, è morta trenta anni fa.

    Stella nel 1946 frequentava la quinta elementare. In quel tempo gli alunni e le alunne della quarta classe elementare che volevano continuare fino alla quinta, dovevano recarsi alle scuole elementari di Tricase, perché nelle scuole di S. Eufemia la quinta classe non c’era.

    Anche per questo motivo non tutti continuavano; la maggior parte si ritirava perché era più importante, per i genitori, che i figli andassero a lavorare in campagna.

    Un giorno nostra sorella tornò da scuola molto contenta perché in classe era stata presentata dalla maestra una nuova alunna.

    Si chiamava Geltrude Kraus ed era una bella ragazza di origini austriache, ebrea, bionda, che sembrava essere più grande di età perché era più alta. La maestra Elena Iannace aveva accolto molto bene la nuova alunna e aveva invitato tutti, compagni e compagne, ad essere gentili con lei che veniva da molto lontano e, a causa della guerra, aveva sofferto molto con la sua famiglia.

    Geltrude era una ragazza molto socievole che faceva subito amicizia. Infatti nostra sorella, anche lei molto brava, legò subito con la nuova compagna. Geltrude veniva spesso a casa nostra per stare con nostra sorella e perciò anche noi l’abbiamo conosciuta.

    Anche se eravamo più piccole, lei ci trattava molto bene e ricordiamo che era abbastanza affettuosa. Ricordiamo inoltre che spesso portava con sé cose buone da mangiare. A noi non mancava il necessario, ma aspettavamo Geltrude con una certa impazienza e chiedevamo a Stella «quando viene Geltrude?».

    Lei ci portava infatti caramelle, cioccolata, ma le cose che aspettavamo di più, perché erano per noi una vera novità, erano le gomme americane da masticare, le “cingomme”: così le chiamavamo tutte contente.

    Geltrude era una brava ragazza. Anche a scuola – ce lo diceva nostra sorella – era brava e riceveva dalla maestra buoni voti. Ricordiamo che parlava l’italiano discretamente.

    Anche durante l’estate, l’amicizia con nostra sorella continuò. L’anno scolastico successivo papà iscrisse Stella alla scuola media di Tricase.

    Per l’esame di ammissione le due amiche furono preparate dalla signora Jannace che abitava in via Stella d’Italia. Le due amiche si ritrovarono poi nella stessa classe e noi ne fummo contente.

    Durante l’anno scolastico, nei primi mesi del 1947, Geltrude lasciò improvvisamente la scuola perché la sua famiglia andò via dalla casa di Tricase-Porto dove i Kraus abitavano. Stella aveva perduto la sua amica, ma anche noi rimanemmo dispiaciute perché non avremmo più rivisto Geltrude.

    Di quel periodo ci rimase una foto di Geltrude, che col tempo purtroppo è andata perduta e un quaderno dalla copertina scura, regalo di Geltrude a Stella, dove c’è scritto “ […s]chool” e che ancora conserviamo con cura. Ci resta soprattutto il ricordo di un’amicizia che, nata spontanea, è rimasta cara alla memoria della famiglia perché ci lega alla nostra indimenticabile sorella maggiore e alla fanciullezza vissuta insieme”.

    Albania, 1945-46. Geltrude Kraus è la terza da sn.

    Le è a fianco un’altra ragazza, un po’ più grande d’età: Johanna Gerecter. Le due ragazze si ritrovarono nel campo di Tricase-Porto dove giunsero nel 1946 attraversando, con le loro famiglie, il Canale d’Otranto.

    Il quaderno scolastico donato da Geltrude Kraus alla compagna di classe e poi amica Stella Bleve.

    Elena Jannace Stefanachi, l’insegnante elementare che accolse nella classe quinta la profuga ebrea Geltrude Kraus.

  • Fase 3: ecco cosa deve fare chi arriva in Puglia
    Tue, 02 Jun 2020 21:57:29

    Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato una ordinanza, la num. 245, con decorrenza dal 3 giugno 2020: “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Obblighi di segnalazione per l’ingresso delle persone fisiche in Puglia”.

    Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, si dispone:

    Con decorrenza dal 3 giugno 2020, tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso, in Puglia, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati:

    segnalano lo spostamento, il trasferimento o l’ingresso mediante compilazione del modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia;

    – dichiarano il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano;

    – conservano per un periodo di trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno.

    In pieno spirito di collaborazione, il governatore vivamente consiglia di scaricare l’app “IMMUNI”.

    È esclusa l’applicabilità della misura di cui al precedente numero 1) agli spostamenti per esigenze lavorative, per motivi di salute, per ragioni di assoluta urgenza, nonché al transito e trasporto merci e a tutta la filiera produttiva da e per la Puglia.

  • Tricase: mozione di sfiducia al sindaco Chiuri
    Tue, 02 Jun 2020 19:37:57

    Nove firme, e nove consiglieri pronti a mettere in minoranza il sindaco e chiederne la sfiducia,

    Il documento porta la firma di tutti i consiglieri all’opposizione più quella dell 5 Stelle Francesca Sodero che era stata negli ultimi mesi l’ago della bilancia.

    i consiglieri firmatari chiedono al presidente del Consiglio Dario Martina, “a norma dell’articolo 97 del regolamento del consiglio comunale di inserire la mozione in oggetto affinché possa essere discussa nella prima assise utile, secondo i tempi e le modalità previste onde procedere la sua votazione per appello nominale, ex art, 52 decreto legislativo 267/00“.

    LA MOZIONE DI SFIDUCIA

  • Tricase, la maggioranza al contrattacco: “Giù la maschera!”
    Tue, 02 Jun 2020 19:35:04

    “Una faccia di bronzo è una gran cosa da mostrare al mondo, ma di tanto in tanto, quando sei solo e non hai pubblico intorno, devi, penso, toglierti la maschera, nient’altro che per respirare. Altrimenti, credo proprio che soffocheresti” (O. Wilde).

    Crediamo sia l’ora che qualcuno si tolga la maschera per ossigenarsi e schiarirsi le idee.

    Infatti, se può essere scenografico tappezzare Tricase di manifesti, sarebbe bene che i Colleghi delle Minoranze fossero obiettivi nell’analisi degli eventi e facessero un esame anche del loro operato.

    Non parliamo delle dimissioni dell’Assessore Peluso, sulle quali egli potrà esprimersi quando (e se) vorrà. Ma parliamo dell’Assise Consiliare e della “gioiosa macchina da guerra” con motore otto cilindri, sempre pronta a partire in quarta, ma col rischio di grippare alla prima salita…

    Forse il Sindaco non aveva tutti i torti quando paventava la paralisi amministrativa, non tanto a livello di Giunta, quanto di Consiglio. E quanto accaduto mercoledì 27 ne è la controprova.

    Abbiamo un Presidente del Consiglio che dopo la sua uscita ufficiale dalla Maggioranza ha perso qualunque freno inibitore e non lesina interventi da Consigliere di Minoranza dallo scranno presidenziale, che ormai è diventato il suo personale palco da comizio elettorale, nonostante faccia parte di un Gruppo Misto che ha un suo Capogruppo che potrebbe parlare per tutti (atteggiamento già pubblicamente censurato in seduta consiliare e pertanto registrato in streaming).Per non parlare della sua memoria/attenzione selettiva, che lo porta a non vedere o non sentire o non essere a conoscenza di eventi importanti per la vita della nostra Comunità. Una sorta di “stupor” che lo fa restare di sasso, sorpreso, di fronte ad ogni problematica, facendo spallucce come un passante che si trovi lì per caso. Basti pensare al “non c’è nulla di deciso” nonostante la riunione congiunta di due Commissioni sull’argomento S.S. 275,per poi partire con un’analisi da neofita Ingegnere Civile con tanto di proposta alternativa, quando la stragrande maggioranza delle Commissioni si era già espressa a favore di una determinata soluzione. Oppure al “non ho sentito nulla” a proposito delle frasi sessiste contro la Consigliera Sodero, dimenticandosi delle affermazioni fatte dai diretti interessati in corso di Conferenza dei Capigruppo e poi giustificando il tutto con la motivazione che l’evento si fosse verificato fuori dall’Assise Consiliare a guisa di scriminante. Oppure alla recente giustificazione di non aver “avuto una vera e propria comunicazione ufficiale” riguardo la possibile incompatibilità del Consigliere Fernando Dell’Abate in seguito alla sua soccombenza in una causa contro l’Ente nel cui Consiglio egli siede. Ciò nonostante l’avvocato incaricato dal Comune avesse dato notizia della sentenza il 22 gennaio 2020 (giorno successivo alla pubblicazione); ragion per cui, visto l’aggirarsi del Presidente nella Casa Comunale in tutti questi mesi, non si comprende come sia stato possibile che non ne fosse a conoscenza. Cosa veniva a fare? Forse presenza formale? Ancora, è possibile che non ne abbia avuto sentore o non gli sia sorto un sospettoquando,durante un colloquio in una Conferenza dei Capigruppo,è stata sollevata la questione?Oppure, peggio ancora, nonostante abbia ammesso di averne avuto notizia dagli Uffici preposti il giorno precedente l’Assise del 27 maggio, egli ha ugualmente fatto partire l’appello. Tutto ciò perché mancava “una vera e propria comunicazione ufficiale”. Potenza del formalismo e della burocrazia!

    Facciamo uno sforzo di immaginazione, però… Immaginiamo un Presidente che nonsi impunti insieme agli altri cilindri del motore della “gioiosa macchina da guerra”, a fissare la prima convocazione urgente il 27/05, sebbene manchi poco ad un 3 giugno che segna l’ulteriore riduzione delle restrizioni imposte dall’emergenza COVID-19 e nonostante la comunicata indisponibilità di tre componenti della Maggioranza e di una della Minoranza per impegni lavorativi già fissati. Immaginiamo che – anziché partire ciecamente alla carica con l’idea di metterci in difficoltà (la paralisi, appunto, con la complicità di una carica istituzionale di rilievo) – avessero avuto quel poco di lucidità per organizzare un Consiglio in cui fossero presenti tutti i Consiglieri di Minoranza consociati. Orbene, con la presenza della Consigliera Sodero ci sarebbe stato il numero legale ed il Consiglio si sarebbe potuto insediare e deliberare, col voto determinante di un Consigliere in odore di incompatibilità. Tutto ciòcon il Presidente informato! O a quel punto, colto da “stupor”, avrebbe riferito di essere a conoscenza di un nuovo (?!) elemento che rendevanon insediabile il Consiglio?

    Crediamo sia il momento di dire basta alle lezioni di morale da chi crede di aver riacquisito verginità politica semplicemente per essere uscito in maniera più o meno ufficiale dalla Maggioranza. Dachi non ha disdegnato di candidarsi con una compagine diversa dalla sua origine politica, per poi remare contro l’Amministrazione appena insediata e ricordare la sua anima piddina al momento opportuno. O chi, con pari faccia di bronzo,si professa di Maggioranza e firma con le Minoranze. Ancora aspettiamo quel lunedì del mese diQuando e dell’anno di Mai, nel quale questa persona sarebbe venuta ad offrire collaborazione nella fase di emergenza (telefonata col Sindaco).

    Pensiamoa chinon si sapeva se sarebbe stato in Consiglio/Commissione per impegni lavorativi ed ora ha il tempo di parteciparvi; oltre all’ardire didimettersi perché non coinvolto su argomenti riguardanti la sua Commissione, riunitasi una solavolta congiuntamente alla Regolamenti. Mentre l’Assessora De Iaco nesollecitava la convocazione, ben prima del lockdown, per la trattazione di argomenti relativial DUC.

    Come non accettiamo lezioni di correttezza e restituiamo le urla di “vergogna istituzionale” a coloro che, circumnavigato l’intero arco politico, a circa tre mesi dall’insediamento sono stati sul punto di far scomparire dall’Assise un partito pur di attraccare nell’ennesimo porto franco.

    Inoltre, per quanto riguarda l’accusa di non essere stati collaborativi e poco inclini al confronto nella fase emergenziale, respingiamo anche queste accuse ai mittenti, dal momento che – dopo il primo incontro informale con le associazioni dei Commercianti di Tricase – è stato organizzato un secondo incontro al quale sono stati invitati due esponenti dei “gioiosi otto” (oltre alla Consigliera Sodero), ma se ne è presentato solo uno, il quale ha affermato di “parlare per otto”: il Consigliere Fernando Dell’Abate, il più a rischio di incompatibilità e meno affine all’argomento, dal momento che essi hanno nelle loro fila, oltre al Presidente del Consiglio, la delegata della Maggio(Mino)ranza (?!) al DUC ed il (ex)Presidente della 3^ Commissione (Attività Produttive, ecc.). Orbene, è stata solo l’occasione per “fare caciara” e lanciare spot elettoralistici. Senza pensare alle rassicurazioni di collaborazione dei delegati delle Minoranze nella stanza del Sindaco, per poi leggere comunicati stampa con tono esattamente contrario prima ancora che essi varcassero l’uscita.

    Infine, attribuire alla Maggioranza la responsabilità del rinvio della seduta della 2^ Commissione “a data da destinarsi” omettendo la motivazione data dal Presidente Giannini riguardo criticità relative ad un membro dell’Opposizione, è l’ulteriore prova della faccia di bronzo con la quale molti dei “gioiosi otto” si presentano. Infatti, la riunione è stata rinviata nell’attesa di fare chiarezza sulla posizione del Consigliere Fernando Dell’Abate. Perciò, invece di restare in silenzio e capire le dimensioni del problema (sia presenti che passate), si torna all’attacco, forse con l’intento di sviare l’attenzione dal cuore del problema. Quello di aver votato tre anni fa l’assenza di motivi di incompatibilità in base alle dichiarazioni di un Consigliere che sosteneva di essere fuori dalla lite con il Comune peril fatto di aver deciso di cedere il credito. Salvo poi scoprire da una sentenza passata in giudicato che eglinon ha mai chiesto di essere estromesso dalla causa.

    Anche noi di Maggioranza avremo fatto errori. Pertanto, potremmo essere gli ultimi ad accusare o dare lezioni. Ed in spirito garantista siamo pronti a dare il beneficio della buona fede al Collega che – forse mal consigliato – ha deciso di non estromettersi dalla causa, ritenendosufficiente la cessione del credito. Però, una volta emessa la sentenza, continuare a far finta di nulla ed attaccare con l’intento di distrarre l’attenzione non è più considerabile buona fede.

    Ma, soprattutto, tutti coloro che si riempiono la bocca di “rispetto al Consiglio Comunale” ed alla Città, che, pur sapendo, hanno dolosamente taciuto, rischiando di mettere il Comune in una condizione di grave impasse, dovrebbero togliersi la maschera, guardarsi allo specchio e riflettere…

    i consiglieri di maggioranza

  • Cade in moto sulla litoranea, trasportato d’urgenza in ospedale
    Tue, 02 Jun 2020 18:28:24

    Un incidente in moto sulla litoranea adriatica è costato caro ad un 45enne di Carmiano.

    L’uomo si trovava in località Guardiola, nella marina di Corsano, in compagnia di un amico. Si era recato nel Capo di Leuca a bordo della sua Aprilia Rsv 1000. Durante la marcia ha perso il controllo del mezzo, sbattendo violentemente contro l’asfalto al bordo della strada.

    Il violento impatto ha reso necessario l’intervento di una ambulanza. Il 118 lo ha trasportato in ospedale a Tricase. Gli è stata riscontrata una frattura scomposta di tibia e perone. Fortunatamente non è in pericolo di vita.

  • Covid-19: solo un nuovo caso in tutta la Puglia
    Tue, 02 Jun 2020 14:19:45

    Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi martedì 2 giugno 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.810 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus ed è risultato positivo un caso nella Provincia di Bari.
    Sono stati registrati 2 decessi in provincia di Brindisi.

    Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 121.500 test.
    Sono 2.939 i pazienti guariti.
    1.051 sono i casi attualmente positivi.

    Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.498 così divisi:
    1.486
    7 nella Provincia di Bari
    380 nella Provincia di Bat
    650 nella Provincia di Brindisi (un caso è stato eliminato dal database)
    1.156 nella Provincia di Foggia;
    515 nella Provincia di Lecce;
    281 nella Provincia di Taranto;
    29 attribuiti a residenti fuori regione.

    I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

  • Tricase, Sodero commenta: “Vicenda Dell’Abate? Una presa in giro della comunità”
    Tue, 02 Jun 2020 14:12:24

    La rinuncia alle liti da parte del consigliere Fernando Dell’Abate nella causa contro il Comune di Tricase viene commentata in queste ore da più parti.

    Francesca Sodero affida a Facebook il suo pensiero: “L’incompatibilità del consigliere diventa così improvvisamente conclamata per il recente passato, sebbene con un atto che di fatto e di diritto la supera. Questo dimostrano gli atti prodotti, nonostante le dichiarazioni in senso contrario dell’interessato, che puntano a confondere quello che nella realtà è un atto “dovuto” per restare in carica come consigliere, con un atto “voluto” e non necessario.
    Ora sarà necessario un approfondimento dell’attività processuale svolta in concreto negli ultimi tre anni e delle possibili ricadute sull’attività amministrativa.
    Dolo o colpa? Non sta a noi dirlo, anche perchè dall’analisi della documentazione agli atti, se da un lato Dell’Abate ha agito in modo da ingenerare l’apparenza della rinuncia alla causa, dall’altro si sono registrate delle falle nell’istruttoria delle fasi iniziali dell’insediamento del nuovo Consiglio Comunale nel luglio 2017.
    Resta un dato politico e morale eclatante e che coinvolge buona parte del circolo cittadino del PD, che in questi giorni ha dimostrato di essere al corrente e di condividere i dettagli dell’operazione realizzata da quello che avevano scelto come candidato sindaco nel 2017. Dell’Abate cedette il credito (potenziale) e il diritto di portare avanti la causa contro il Comune, non ad un estraneo o ai professionisti in causa insieme a lui, come ci si sarebbe potuti aspettare, bensì gratuitamente ad un proprio familiare convivente, forse anche a carico. Insomma, un escamotage tutt’altro che rispondente allo spirito della legge contro i conflitti d’interesse e sconcertante dal punto di vista etico e politico, in quanto dimostra come sia prevalsa la volontà di tutelare un interesse personale attraverso una macchinazione giuridica, avallata dalla forza politica di appartenenza, che oggi appare per quello che è: una colossale presa in giro a danno della comunità che Fernando Dell’Abate si era candidato a governare come sindaco! Presa in giro portata avanti anche con le ultime dichiarazioni, in cui ci saremmo aspettati, al contrario, delle scuse e magari l’ammissione di un grossolano errore.
    Come M5S riteniamo, con profondo rammarico, che tutto questo rappresenti l’ennesima ragione che depone a favore del termine anticipato di questa Amministrazione, non solo per ripristinare il rispetto dell’Istituzione comunale e della comunità di Tricase ma anche e soprattutto per concedere una chance di riscatto alla città in un periodo storico difficile in cui è richiesto l’impegno di una classe politica auspicabilmente e autenticamente rinnovata”.

  • Atti intimidatori e estorsione: arrestato usuraio a Salve
    Tue, 02 Jun 2020 10:39:36

    Usura, estorsione, violazione di domicilio aggravata, danneggiamento di abitazione e autovettura.

    Una collezione di reati quella imputata a Luigi Minghetti, 61enne di Salve, tratto in arresto nelle scorse ore, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP Panzera, dai carabinieri del comune del Capo di Leuca.

    Il fermo arriva a margine di una lunga indagine avviata nel febbraio 2019 e conclusasi 8 mesi dopo, in ottobre.
    In questo arco temporale Minghetti avrebbe danneggiato, tra il febbraio e l’aprile 2019, la casa e l’autovettura di una persona, un imprenditore che si era rivolto a lui per chiedere un supporto economico per superare un momento di difficoltà.

    Il rapporto tessuto tra i due si sarebbe però presto configurato come vera e propria usura del 61enne all’indirizzo dell’imprenditore.

    La cifra da restituire, pari a 3mila euro, sarebbe presto lievitata del 190%.
    L’insostenibilità e la violenza della situazione creatasi ha spinto così la vittima a denunciare usura e usuraio.

    L’indagine dei carabinieri, col supporto del Norm, ha portato a dei rilievi incontrovertibili che hanno confermato il racconto dell’imprenditore ed inchiodato Minghetti. Tra questi, le impronte papillari di quest’ultimo, lasciate in occasione di uno degli atti intimidatori.

    Per il 60enne sono quindi scattate le manette. Al momento l’uomo è associato presso la Casa Circondariale di Lecce.

  • Maxi serra di marijuana con 360 piante: un arresto
    Tue, 02 Jun 2020 09:50:30

    Centinaia di piante in una maxi serra: un uomo di Leverano, T. F., 45enne, aveva messo in piedi una coltivazione di marijuana alla luce del sole.

    L’incredibile scoperta dei carabinieri ha permesso di rinvenire in un fondo del leveranese ben 353 piante in essiccazione ed altre 7 in coltivazione.

    Un numero sorprendente che ha portato all’arresto del responsabile, tradotto ai domiciliari presso la sua abitazione.

  • Nascondeva 30 grammi di coca tra auto e casa: arrestata 29enne
    Tue, 02 Jun 2020 07:57:35

    I carabinieri di Racale hanno arrestato una giovane del posto sorpresa in possesso di cocaina.
    La ragazza, P. A., 29enne, sottoposta a perquisizione veicolare, è stata sorpresa con un incolucro contenente 7 dosi di cocaina per un peso complessivo di 2,51 grammi.

    Come da protocollo è quindi scattata la perquisizione domiciliare a suo carico nella quale i militari hanno trovato ulteriori 13 dosi della medesima sostanza dal peso complessivo di 27,10 grammi; un bilancino di precisione;
    materiale vario per il confezionamento 130 euro in denaro contante.

    Sottoposto il tutto a sequestro, i carabinieri hanno sottoposto a fermo la donna che, espletate le formalità di rito, è stata tradotta presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

  • Tricase: “Dell’Abate rinuncia alla cassazione? Da oggi è compatibile con la carica di consigliere…”
    Mon, 01 Jun 2020 20:51:31

    Sulla presunta “incompatibilità” con il ruolo di consigliere comunale di Fernando Dell’Abate e dopo l’odierna rinuncia al terzo grado di giudizio, una nota dei consiglieri di maggioranza consiliare aggiunge ulteriore pepe a tutta la vicenda.

    In queste ultime ore”, si legge nella nota, “leggiamo da più parti comunicati stampa e post sui social relativi alle nostre proliferanti malelingue a proposito delle criticità sorte sulla posizione del Consigliere Comunale Fernando Dell’Abate in seno al Consiglio, stante la pubblicazione della sentenza d’appello numero 73 del 21/01/2020, nella quale egli viene annoverato tra i soccombenti”.

    Egli afferma”, si entra nei dettagli, “che la nota n.6303 protocollata oltre tre anni fa, prima della candidatura a Sindaco, lo esime dal “fumus” di incompatibilità per il fatto di aver ceduto il credito “pro soluto”. A questo punto, non si comprende una sentenza checondanna alle spese un appellante che non c’è. Oltre alle nostre malelingue”, ironizzano i consiglieri, “c’è anche accanimento giudiziario?”.

    I firmatari della nota poi si chiedono: “Che necessità c’era di protocollare in Comune, insieme al beneficiario del credito, la rinuncia al ricorso in Cassazione, dal momento che non era tenuto a farlo, perché fuori dalle liti? Forse perché il credito sarebbe derivato dalla vittoria di Dell’Abate come attore nel ricorso? D’altronde, basta leggere la sentenza per trovare, a metà della stessa, una frase alquanto chiarificatrice, che fuga qualunque dubbio e che lascia presagire cosa sarebbe potuto succedere se solo fosse stato eletto sindaco insieme alla sua compagine…

    È inutile calciare la palla nel nostro campo”, insistono dai banchi della maggioranza, “se il consigliere Fernando Dell’Abate ha rinunciato al ricorso è perché doveva farlo, se voleva rimanere in consiglio per i giorni a venire. Pertanto, i più sentiti auguri al nostro Collega per il suo nuovo (reale) insediamento!”.

    Ovviamente”, si legge in fondo alla nota, “i documenti relativi alla vicenda sono “a disposizione” di tutti, perché pubblici e protocollati in Comune”.

    La polemica, dunque, continua ad infuriare a Palazzo Gallone e c’è da scommetterci che ne passerà di tempo prima che si possa scrivere la parola fine. Sembra superato il punto di non ritorno e sperare in una pace o almeno in una tregua dei diretti interessati oggi smbra davvero impossibile.

  • Tricase: Dell’Abate rinuncia alla Cassazione
    Mon, 01 Jun 2020 19:09:17

    Si arricchisce di un nuovo capitolo la vicenda delle presunta incompatibilità di Fernando Dell’Abate nel ruolo di consigliere comunale.

    Ho atteso la riapertura degli uffici comunali, stamane, per approfondire le “presunte criticità” della mia posizione insinuate dagli ambienti della maggioranza, visto il proliferare delle loro malelingue”, ha scritto in una nota il consigliere di opposizione, che ha sottolineato come nell’occasione, “Nessuno mi ha saputo dire nulla! Proprio per questo, dopo la nota n.6303 protocollata oltre tre anni fa presso il Comune di Tricase, un nuovo tassello, non dovuto ma voluto dal sottoscritto, si è aggiunto questa mattina quando, di concerto con il mio legale, ho provveduto a far notificare l’atto che chiude definitivamente, sebbene lo fosse già, la vicenda”.

    Il consigliere di opposizione si riferisce alla dichiarazione di acquiescenza, protocollata oggi e con cui il suo legale, l’avv. Antonio Bolognese ha informato, via pec (atto giudiziario ex articolo 329 cpc), il Comune ed il legale dell’Ente, avv. Michele Macrì, atto giudiziario ex articolo 329 cpc, che sia Fernando Dell’Abate che colui a cui aveva ceduto il credito dichiarano di “dare acquiescenza alla detta sentenza rinunciando ad interporre gravame verso la medesima”.

    Alla cessione del credito pro soluto di tre anni fa”, ha spiegato ancora Dell’Abate, “ho aggiunto oggi l’acquiescenza al ricorso per Cassazione, sebbene io non avessi neppure titolo ad impugnare la sentenza”.

    Infine Dell’Abate getta il guanto di sfida: “Dopo tre anni, dunque, ora anche l’ultimo disperato tentativo di distogliere l’attenzione è tolto: sindaco, il mio invito rimane sempre lo stesso! A casa per il bene di Tricase e dei Tricasini!”.

  • Covid, pochi contagi anche oggi in Puglia
    Mon, 01 Jun 2020 14:52:12

    Come ieri in Puglia si registrano 4 nuovi casi di Covid 18, e 998 tamponi effetuati.

    I quattro casi rilevati sono così suddivisi: 3 nella Provincia di Bari; 0 nella Provincia di Bat; 0 nella Provincia di Brindisi; 1 nella Provincia di Foggia; 0 nella Provincia di Lecce; 0 nella Provincia di Taranto;

    Sono stati registrati 2 decessi: 1 in provincia di Bari, 1 in provincia di Foggia.

    In totale sono stati effettuati in tutto 119.650 test; i pazienti guariti sono 2.837, mentre 1.155 sono i casi attualmente positivi.

    Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.498 così divisi: 1.486 nella Provincia di Bari; 380 nella Provincia di Bat; 651 nella Provincia di Brindisi; 1.156 nella Provincia di Foggia; 515 nella Provincia di Lecce; 281 nella Provincia di Taranto; 29 attribuiti a residenti fuori regione.

  • Polizia provinciale, autovelox, telelaser di giugno
    Mon, 01 Jun 2020 14:42:18

    Questi i calendari dei controlli sulle strade provinciali che saranno effettuati dalla Polizia provinciale, tramite autovelox, telelaser e postazioni fisse, nel mese di giugno 2020.

    A CURA DELLA POLIZIA PROVINCIALE
     
    01-06-2020
    LUNEDI’
    S.P. 06
      LECCE – MONTERONI      DAL KM 0+000 AL KM 1+100
     
    07,00 -19,00
     
    02-06-2020
    MARTEDI’
    S.P. 18
    GALATINA– COPERTINO DAL KM 9 AL KM 12
     
    07,00 -19,00
     
    03-06-2020
    MERCOLEDI’
    S.P. 362
    LECCE  –  GALATINA DAL KM 9 AL KM 10
     
    07,00 –19,00
     
    04-06-2020
    GIOVEDI’
    S.P.  297
       MELENDUGNO – TORRE DELL’ORSO
                    DAL KM 1+300 AL KM 2+500
     
    07,00 –19,00
     
    05-06-2020
    VENERDI’
    S.P. 114
    COPERTINO – SANT’ISIDORO DAL KM 4+800 AL KM 5+500
     
    07,00 –19,00
     
    06-06-2020
    SABATO
    S.P. 06
     MONTERONI – LECCE DAL KM 0+000 AL KM 1+100
     
    07,00 – 19,00
     
    07–06-2020
    DOMENICA
    S.P.  132
       LECCE – FRIGOLE            DAL KM 5 AL KM 6
                  dal segnale di inizio della S.P. 132
     
    07,00-19,00
     
    08-06-2020
    LUNEDI’
    S.P. 06
      LECCE – MONTERONI      DAL KM 0+000 AL KM 1+100
     
    07,00 -19,00
     
    09-06-2020
    MARTEDI’
    S.P.  362
    LECCE – GALATINA DAL KM 9 AL KM 10
     
    07,00-19,00
     
    10-06-2020
    MERCOLEDI’
    S.P. 18
    GALATINA– COPERTINO DAL KM 9 AL KM 12
     
    07,00 -19,00
     
    11-06-2020
    GIOVEDI’
    S.P. 114
    COPERTINO – SANT’ISIDORO DAL KM 4+800 AL KM 5+500
     
    07,00 -19,00
     
    12-06-2020
    VENERDI’
    S.P.  297
       MELENDUGNO – TORRE DELL’ORSO
        DAL KM 1+300 AL KM 2+500
     
    07,00 -19,00
     
    13-06-2020
    SABATO
    S.P.  132
       LECCE – FRIGOLE
                    DAL KM 5 AL KM 6
                            dal segnale di inizio della S.P. 132
     
    07,00-19,00
     
    14-06-2020
    DOMENICA
    S.P. 114
    COPERTINO – SANT’ISIDORO DAL KM 4+800 AL KM 5+500
     
    07,00 -19,00
     
    15-06-2020
    LUNEDI’
    S.P.  362
    LECCE – GALATINA DAL KM 9 AL KM 10
     
    07,00 –19,00
     
    16-06-2020
    MERTEDI’
    S.P. 06
     LECCE – MONTERONI DAL KM 0+000 AL KM 1+100
     
    07,00-19,00
     
    17-06-2020
    MERCOLEDI’
     
    S.P.  297
    MELENDUGNO – TORRE DELL’ORSO   DAL KM 1+300 AL KM 2+500
     
    07,00 -19,00
     
    18-06-2020
    GIOVEDI’
    S.P. 114
     COPERTINO –SANT’ISIDORO DAL KM 3+000 AL KM 2+500
     
    07,00 -19,00
     
    19-06-2020
    VENERDI’
    S.P. 297
    MELENDUGNO – TORRE DELL’ORSO DAL KM 1+300 AL KM 2+500
     
    07,00-19,00
     
    20–06-2020
    SABATO
    S.P. 18
    GALATINA– COPERTINO DAL KM 9 AL KM 12
     
    07,00 -19,00
     
    21–06-2020
    DOMENICA
    S.P. 114
     COPERTINO –SANT’ISIDORO DAL KM 3+000 AL KM 2+500
     
    07,00 -19,00
     
    22-06-2020
    LUNEDI’
    S.P.  362
    LECCE – GALATINA DAL KM 9 AL KM 10
     
    07,00-19,00
     
    23-06-2020
    MARTEDI’
     
    S.P. 18
    GALATINA – COPERTINO DAL KM 9 AL KM 12
     
    07,00 -19,00
     
    24-06-2020
    MERCOLEDI’
    S.P. 06
    MONTERONI – LECCE DAL KM 0+000 AL KM 1+100
     
    07,00 -19,00
     
    25-06-2020
    GIOVEDI’
    S.P.  132
       LECCE – FRIGOLE
    //
     
    07,00 -19,00
     
    26-06-2020
    VENERDI’
    S.P. 362
    LECCE  –  GALATINA DAL KM 9 AL KM 10
     
    07,00 – 19,00
     
     
    27-06-2020
    SABATO
    S.P. 297
    MELENDUGNO – TORRE DELL’ORSO DAL KM 1+300 AL KM 2+500
     
    07,00 – 19,00
     
    28-06-2020
    DOMENICA
     
    S.P. 114
    COPERTINO – SANT’ISIDORO DAL KM 3+000 AL KM 2+500
     
    07,00 -19,00
     
    29-06-2020
    LUNEDI’
    S.P. 297
    MELENDUGNO – TORRE DELL’ORSO DAL KM 1+300 AL KM 2+500
     
    07,00-19,00
     
    30–06-2020
    MARTEDI’
    S.P. 362
    LECCE  –  GALATINA DAL KM 9 AL KM 10
     
    07,00 –19,00
    POSTAZIONI FISSE DI CONTROLLO DELLA VELOCITA’
    Tutti i giorni
    festivi compresi
    S.P. 04
    LECCE  –  NOVOLI    KM 5+760 in direzione Lecce
     
    00,00-24,00
     
    CALENDARIO TELELASER GIUGNO 2020
     
    01-06-2020
    S.P.   41    COLLEPASSO –NOHA
     
    07,00 – 19,00
     
    02-06-2020
    S.P.  361     ALEZIO – PARABITA
     
    07,00 – 19,00
     
    03-06-2020
    S.P.  55   MATINO-TAVIANO
     
    07,00 – 19,00
     
    04-06-2020
    S.P.  13
    CARMIANO – NOVOLI
     
    07,00 – 19,00
     
    05-06-2020
    S.P.   17   COPERTINO – LEVERANO
     
    07,00 – 19,00
     
    06-06-2020
    S.P.   212    CURSI – CARPIGNANO SAL.NO
     
    07,00 – 19,00
     
    07-06-2020
    S.P.  04    CAMPI – SALICE SAL.NO
     
    07,00 – 19,00
     
    08-06-2020
    S.P.  41    NOHA– COLLEPASSO
     
    07,00 – 19,00
     
    09-06-2020
    S.P.  223    MATINO – MARE
     
    07,00 – 19,00
     
    10-06-2020
    S.P.  361  PARABITA – ALEZIO
     
    07,00 – 19,00
     
    11-06-2020
    S.P. 18  GALATINA – COPERTINO
     
    07,00 – 19,00
     
    12-06-2020
    S.P. 114   COPERTINO – SANT’ISIDORO
     
    07,00 – 19,00
     
    13-05-2020
    S.P.   359    NARDO’ – AVETRANA
     
    07,00 – 19,00
     
    14-06-2020
    S.P.  223   MATINO – MARE
     
    07,00 – 19,00
     
    15-06-2020
    S.P.   20   DA COPERTINO – ALLA LECCE-GALLIPOLI
     
    07,00 – 19,00
     
    16-06-2020
    S.P.   286    LIT. S. CATERINA – PORTO CESAREO
     
    07,00 – 19,00
     
    17-06-2020
    S.P.  55  MATINO-TAVIANO
     
    07,00 – 19,00
     
    18-06-2020
    S.P.   212  CURSI – CARPIGNANO SAL.NO
     
    07,00 – 19,00
     
    19-06-2020
    S.P. 06   MONTERONI – COPERTINO
     
    07,00 – 19,00
     
    20-06-2020
    S.P.  374   MIGGIANO – TAURISANO
     
    07,00 – 19,00
     
    21-06-2020
    S.P.  350   TAVIANO – UGENTO
     
    07,00 – 19,00
     
    22-06-2020
    S.P.  115    NARDO’ – LEVERANO
     
    07,00 – 19,00
     
    23-06-2020
    S.P.  223  MATINO – MARE
     
    07,00 – 19,00
     
    24-06-2020
    S.P.  41   COLLEPASSO – NOHA
     
    07,00 – 19,00
     
    25-06-2020
    S.P. 114      COPERTINO – SANT’ISIDORO
     
    07,00 – 19,00
     
    26-06-2020
    S.P.   286   LIT. SANTA CATERINA – PORTO CESAREO
     
    07,00 – 19,00
     
    27-06-2020
    S.P.  112   VILLAGGIO RESTA
     
    07,00 – 19,00
     
    28-06-2020
    S.P.  361     MAGLIE – COLLEPASSO
     
    07,00 – 19,00
     
    29-06-2020
    S.P.  243    CUTROFIANO – SUPERSANO
     
    07,00 – 19,00
     
    30-06-2020
    S.P.  55   MATINO-TAVIANO
     
    07,00 – 19,00

  • "Salviamo gli Ulivi Secolari"...

    Categorie News


    Catalogati per mese:


    Gli interventi più cliccati

    Sondaggi


    Info


    Quanti siamo

    Ci sono  persone collegate

    Seguici sui Canali di

    facebook Twitter YouTube Google Buzz

    NOHINONDAZIONI

    Calendario

    < giugno 2020 >
    L
    M
    M
    G
    V
    S
    D
    1
    2
    3
    4
    5
    6
    7
    8
    9
    10
    11
    12
    13
    14
    15
    16
    17
    18
    19
    20
    21
    22
    23
    24
    25
    26
    27
    28
    29
    30
             
                 

    Meteo

    Previsioni del Tempo