\\ Home Page : Articolo
L’HONDA ANOMALA (Piero Ratto – i ed. Marzo 2017)
Di Marcello D'Acquarica (del 25/02/2019 @ 18:34:08, in Recensione libro, linkato 334 volte)

Per l’esposizione dei fatti Pietro Ratto, autore de “L’Honda anomala – Il rapimento Moro, una lettera anonima e un ispettore con le mani legate” (Bibliotheka Edizioni, Roma, 2017) usa il dialogo fra i due protagonisti principali della storia, un docente universitario e il suo allievo. Quindi ad un certo punto del racconto, fa esordire cosi il docente: “Lo Stato che uccide i suoi servitori. Che schifo!”

Il libro è incentrato su una lettera anonima, in cui si fa riferimento alla strage di via Fani, 16 Marzo 1978.  La lettera arriva dopo oltre un anno dalla data di emissione sul tavolo di un ispettore della Digos a Torino. Si è tanto parlato e scritto sulla faccenda che riguarda l’omicidio di Aldo Moro, ma non si è mai fatta completamente luce sull’esatto percorso delle vicende e di tutte le persone coinvolte.

Mediante questa nuova testimonianza, vengono alla luce nuove prove certe, da collegare a quelle già esistenti.

Viene fuori un quadro generale sconvolgente, enti e persone impensabili sono coinvolte nell’eccidio: lo Stato rappresentato dal governo in carica, personaggi collegati con Mani Tese, Comunità di Emmaus, la Giovane Europa, esponenti dell’alta gerarchia delle Forze Armate, la Digos, l’Fbi, il Vaticano, la famigerata organizzazione militare denominata Gladio, un’organizzazione parallela ai servizi segreti, mai autorizzata da alcun Parlamento, finanziata e voluta dagli Stati Uniti per tener lontana l’Italia dal rischio del comunismo. Si parla di Trilatero, un’associazione privata con sede in America, ci sono invischiati personaggi di alto livello, tipo Henry Kissinger, David Rockfeller, Brzezinschi e Nixon. Insomma America, Giappone ed Europa, tutti preoccupati di gestire il capitalismo avanzante in funzione antisovietica.

Ciò che si teme è che troppa democrazia possa nuocere alla governabilità di un paese come l’Italia. Il sessantotto è ancora molto vicino e i suoi effetti si fanno sentire.  Praticamente ci fanno andare a votare, e poi tutto finisce lì.

Quello che sorprende è venire a conoscenza del fatto che quasi tutti crediamo di vivere in uno Stato democratico, non immaginiamo minimamente che invece esiste uno Stato ed un sotto Stato altrettanto potente, che non si cura degli interessi delle persone, ma fa gli interessi di chi impone in modo subdolo il proprio predominio sul mondo intero. E per fare questo non bada a sacrifici, fino ad uccidere tanti servitori dello stato ed un personaggio di alto livello come Aldo Moro. Allora dovrebbe venirci da pensare che se per mettere a tacere Aldo Moro hanno scomodato l’Fbi, la Digos, il Sismi, le BR, la ‘Ndrangheta, e tutte quelle associazioni di cui fa riferimento l’autore, ed ora per realizzare la TAP, predispongono l’esercito e la Digos in numero esuberante rispetto alle poche decine di contadini e onesti cittadini disarmati, vuol dire che sicuramente abbiamo a che fare con qualcosa di molto pericoloso.

Quindi è facile comprendere che se si vuole almeno essere invitati ad un tavolo di confronto per questa opera molto discutibile sia in utilità che in modalità costruttive, non bastano quattro convegni, non bastano quattro cortei, non bastano dieci, cento, un milione di associazioni che dicono di lottare ma che di fatto non sono unite in un unico corpo, come invece è il nemico che ci sta davanti. Abbiamo sul tavolo un grosso problema, che evidentemente non è solo Tap, Ilva, Cerano, affare Xylella, Discariche, ecc. ma è la decisione che questa territorio debba morire, che interessa solo per crearvi opere distruttive che portano utili ad altri e altrove.

Conclusione: abbiamo il problema, abbiamo un nemico organizzatissimo e potente, siamo anche in tanti e abbiamo le competenze, occorre solo metterle insieme in modalità organizzata in modo da essere altrettanto “potenti” perlomeno da essere ascoltati. Correndo da soli rischiamo di smuovere solo aria e polvere.

 

Marcello D'Acquarica

 

Commenti

Nessun commento trovato.

Lascia un messaggio

Testo (max 2000 caratteri)

Smile arrabbiato Smile assonnato Smile bacio Smile diavolo Smile linguaccia Smile morto Smile occhiali Smile occhiolino Smile risatona Smile sorriso Smile timido Smile triste


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

"Salviamo gli Ulivi Secolari"...

Categorie News


Catalogati per mese:


Gli interventi più cliccati

Sondaggi


Info


Quanti siamo

Ci sono  persone collegate

Seguici sui Canali di

facebook Twitter YouTube Google Buzz

NOHINONDAZIONI

Calendario

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Meteo

Previsioni del Tempo